Il Castello

Dettagli della notizia

In posizione dominante sulla Valle del Basento sorge il Castello Fittipaldi che, dall’alto della sua rupe, domina l’alta Valle del Basento e il borgo di Brindisi Montagna.

Data:

19 luglio 2023

Tempo di lettura:

9 min

Scadenza:

Argomenti

Un'immagine generica segnaposto con angoli arrotondati in una figura.

Descrizione

In posizione dominante sulla Valle del Basento sorge il Castello Fittipaldi che, dall’alto della sua rupe, domina l’alta Valle del Basento e il borgo di Brindisi Montagna.

Testo completo

title

Il Castello

E’ certamente l’edificio più antico che all’origine doveva costituire più che una struttura militare un presidio del territorio per funzioni civili, sociali ed economico-produttive e successivamente divenne anche dimora dei feudatari succedutisi nella proprietà tra i quali i Sanseverino, i D’Erario, gli Antinori, i Battaglia ed infine i Fittipaldi che lo donarono al Comune all’inizio del 1900. Al di la delle solite incerte ipotesi circa la nostra antica storia il Castello si fa risalire, dalla bibliografia prevalente, a un periodo coevo all’insediamento normanno nell’Italia meridionale; infatti la presenza del Castello e della relativa comunità è già documentata dall’Atto di Federico II di Svevia circa la manutenzione dei Castelli Regi eretti dai normanni. Dagli Statuta Officiorum emanati da Federico II, sappiamo pertanto, che il castrum Brundesii de Montana rientrava in quell'elenco di ventinove castelli demaniali (opere militari e di difesa) e domus imperialibus solaciis (destinate ai soggiorni di svago del sovrano), facenti parte del Giustizierato della Basilicata alla cui manutenzione dovevano provvedere, in maniera sistematica, gli abitanti delle Università vicine.

Per il Castrum di Brundisii de Montana è stabilito che tale compito spettasse anche agli uomini di Trivigno, Pietrapertosa, Trisocii (o Trifoggio, antica località nei pressi di Castelmezzano e Pietrapertosa), Castelmezzano, Castel Selecti (o Castel Bellotto tra Pietrapertosa e Laurenzana), Campomaggiore, Trivigno, Laurieseli (o Laurosielo, casale scomparso presso Cancellara), Accettura, Rodie (o Rodio nei pressi di Accettura), Gallipoli Cognato, Garaguso e Oliveto.

Dopo la caduta degli Svevi Il Re Carlo d’Angiò, per i servigi resi, investì Guidone de Forest nel 1268 del feudo di Brindisi col titolo di primus dominus Brundusii de Montanea et Ansiae (1268). La recente ristrutturazione vuole ridare vita all’antico manufatto simbolo della nostra storia che Andrea Pisani cosi descriveva nel suo libro: “Ora ha le occhiaie vuote nel gran teschio, l’occipite corroso e in qualche parte infranto; lo direi tragicamente muto e tetro, se nei pleniluni lo squittire petulante della civetta e il lamentevole fischio dell’assiolo non avessero per i suoi fantasmi un richiamo tra il grottesco e il beffardo”.
 

Galleria di immagini

Galleria di video

Documenti

Nessun dato da visualizzare

Luogo

Castello Fittipaldi Antinori

Castello di Brindisi Montagna, SP37, Brindisi Montagna, Potenza, Basilicata, Italia

A cura di

Area amministrativa, contabile e finanziaria

Sede comunale

85010 Via V. Veneto 6, Brindisi Montagna, Potenza, Basilicata, Italia

Telefono: +39 0971 985 002

Email: giulia.marino@comune.brindisimontagna.pz.it

Immagine
Persone
Nessun dato da visualizzare
Ultimo aggiornamento: 07 dicembre 2023, 09:15

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Wemapp PAbot
close
  • smart_toy

    Ciao 👋
    Come posso esserti utile?

send